I due boscaioli

C’erano una volta due boscaioli che lavoravano nello stesso bosco.

Entrambi erano forti e vigorosi e avevano una ferrea forza di volontà. Le loro capacità erano molto simili e perciò un giorno decisero di fare una gara per stabilire chi dei due fosse più bravo a tagliare legna.

Trovati due alberi che avevano il tronco di uguale grandezza si misero all’opera per vedere chi avesse abbattuto per primo il proprio albero.

I tronchi avevano dimensioni ragguardevoli e ci sarebbero volute diverse ore prima di riuscire a tagliarli.

I due alberi erano posti a una certa distanza uno dall’altro tanto che ognuno dei due uomini non vedeva cosa faceva l’altro. Tuttavia si riusciva a sentire il rumore dell’ascia che picchiava sul legno.

Il primo taglialegna si mise di buona lena e con ritmo incalzante a tagliare il tronco. Non si fermava mai se non per qualche secondo per prendere fiato. Durante queste fugaci pause si accorse che il suo avversario effettuava delle pause di almeno dieci minuti ogni ora. Resosi conto di ciò si sentì più tranquillo riguardo alle sue possibilità di vittoria purtuttavia non diminuendo il suo impegno della gara.

Giunse il tramonto e con esso il termine stabilito per la gara.

Il primo boscaiolo ancora non aveva finito di tagliare il proprio albero. Per verificare a che punto fosse il suo rivale andò a vedere a che punto fosse arrivato. Con sua grande sorpresa vide l’enorme tronco già tagliato.

– Com’è possibile? – chiese stupito – Io non mi sono mai fermato e non ho abbattuto l’albero e tu invece, che ti fermavi dieci minuti ogni ora hai già finito!

– È vero che mi fermavo – rispose calmo l’altro – ma durante quelle pause affilavo la lama della mia scure.

ascia

Morale della favola dei due boscaioli

Questa storia ci insegna che non bastano la buona volontà e l’impegno per essere efficienti, per riuscire bisogna ‘affilare la propria lama’. Ciò vuol dire assicurarsi di avere gli strumenti più adatti allo scopo che si vuole conseguire e mantenerli efficienti nel corso del tempo.

Per alcuni questi strumenti sono i propri utensili, per altri il frequentare corsi di formazione o aggiornamento oppure il migliorare se stessi. Ognuno di noi ha la propria lama da affilare.

E tu? Qual è la tua lama?

Qualunque sia la tua scure ricorda: prendersi del tempo non significa necessariamente perdere tempo.

Quindi stacca un po’, prendi un bel respiro e affila la tua lama.

affila la tua lama