Trinacria: il simbolo della Sicilia ma non solo

Introduzione

La Trinacria, conosciuta anche come Triskelion, è il famoso simbolo a tre gambe della Sicilia, una miniatura italiana unica. Se visiti l’isola, puoi essere sicuro di vedere il Trinacris, il simbolo della Sicilia, ovunque, e se vuoi portarne uno a casa, ne troverai una vasta gamma, dalle ottime targhe Trinacris ai magneti economici. Naturalmente, ci auguriamo che tu riceva una delle bellissime ceramiche siciliane realizzate a mano da artigiani locali. Indipendentemente dalla tua scelta, puoi stupire i tuoi compagni di viaggio e imparare qualcosa sull’origine della Trinacria o Triskelion e alcune storie interessanti sulla nascita della Sicilia e sul simbolo dalle tre gambe.

Cos’è la Trinacria

Si tratta del simbolo della Sicilia spesso rappresentato su di un piatto in ceramica. Questo simbolo è costituito da tre gambe ricurve e tre spighe di grano che circondano la testa di Medusa, conosciuta come il simbolo della Sicilia. In italiano la conosciamo come Trinacria e rappresenta i tre promontori principali che circondano l’isola. Questi promontori, i quali furono scoperti dai Greci migliaia di anni fa quando girarono per la prima volta l’isola e si accorsero che aveva la forma di un triangolo con tre bellissime estremità, sono: Capo Pachino, Capo Peloro e Capo Lilibeo.

Un altro simbolo utilizzato per rappresentare la Sicilia è Il Triskelion. Deriva dal greco “a tre gambe” e pare si riferisca alle tre gambe curve che corrono, il cui significato non è chiaro. Alcuni studiosi scrivono che gli Spartani dipinsero questo disegno sui loro scudi in modo che il nemico potesse conoscere la loro forza.

Triskelion o triscele.

Alcuni studiosi sostengono che le tre gambe che corrono rappresentino lo scorrere del tempo nel ciclo della natura. Proprio al centro del simbolo siciliano, possiamo riconoscere la testa di Medusa, con i suoi capelli di serpente e le ali dorate. Ma non preoccuparti, non trasforma in pietra gli ignari isolani o visitatori. Medusa rappresenta invece la dea Atena dell’antica mitologia greca, la dea protettrice dell’isola. In aggiunta al disegno romano, la testa di Medusa è circondata da tre spighe di grano. Celebrano la meravigliosa nascita dell’isola di Sicilia, che fu il granaio dell’Impero Romano.

Il trinacria originariamente aveva la testa di Medusa al centro.

Le tre ninfe – la nascita della Sicilia

Questa è una delle storie più antiche della tradizione. Tanto tempo fa tre ninfe danzavano in giro per il mondo. Si fermarono dove il tempo era migliore e raccolsero pietre preziose, frutti deliziosi e terreno fertile abbondante. Un giorno arrivarono in un posto con un meraviglioso cielo azzurro e se ne innamorarono. Cominciarono a danzare e decisero di buttare via tutto ciò che avevano accumulato viaggiando per il mondo. L’acqua scintillava e creava un meraviglioso arcobaleno. Tra le onde emerse una nuova terra colorata e bella. La nuova isola aveva la forma di un triangolo, i cui tre angoli erano esattamente sotto i piedi delle ninfe.

La storia della Trinacria

Il Triscele, noto in Sicilia anche come Trinacria, è la donna a tre gambe che rappresenta la Sicilia. Adottata per la prima volta nel 1282 per i Vespri Siciliani, è attualmente la bandiera ufficiale della regione autonoma della Sicilia. Ufficialmente la Trinacria divenne bandiera siciliana nel 1943, durante la seconda guerra mondiale. Il leader del movimento indipendentista, Andrea Finocchiaro Aprile, fu il primo ad adottare questo simbolo. Durante la seconda guerra mondiale, i separatisti siciliani aiutarono gli Alleati a sbarcare sulla costa. Dopo aver vinto la guerra, gli Alleati aiutarono la Sicilia a ottenere l’indipendenza dall’Italia. Infine, gli indipendentisti hanno utilizzato una bandiera giallorossa, con la Trinacria al centro. Volevano sottolineare la sua separazione dal governo italiano. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, il governo italiano ha riconosciuto la Sicilia come regione a statuto speciale.

Significato di questo simbolo

Il simbolo della Sicilia, noto come Trinacria o Triskelion, si dice abbia avuto origine dal mito delle tre ninfe. Si dice che danzassero in giro per il mondo raccogliendo i frutti migliori, i sassi e la terra, poi li gettarono in mare e crearono la Sicilia. Pertanto, si dice che l’isola abbia tre angoli che rappresentano ciascuno dei piedi delle ninfe.

La storia di Trinacria

Siciliani e italiani vedono Trinacria ogni giorno sulla bandiera regionale. I turisti lo vedono sulle calamite da frigo acquistate durante una vacanza in Sicilia, ma pochi conoscono la storia della donna con tre gambe piegate che le spuntano dalla testa. Nella rappresentazione antica, possiamo vedere il simbolo dell’antica Grecia: la testa del Trinacria ricorda le Gorgoni (creature mostruose greche). Le gorgoni rappresentano la perversione in tutte le sue forme. Eurail lo rappresentava in generale, Steno dal punto di vista morale e Medusa si occupava dell’aspetto altamente intellettuale. Non c’è da stupirsi che Trinacria sia il simbolo della Sicilia. In passato il nome dell’isola era Triquetra per via della sua forma. La Sicilia non ha una forma per così dire normale, come le altre isole ma ha una forma triangolare.

Da dove viene questo simbolo?

Molte monete che ritraevano il trinacria sono state trovate in varie città asiatiche. La gente del luogo credeva che la donna a tre gambe fosse il Dio Sole. In Sicilia, Agatocle emise monete con la famosa Trinacria. In epoca romana, a Palermo, la Gorgone a tre gambe divenne un simbolo sulle monete, poi divenne emblema della Sicilia, con diverse modifiche: al posto dei serpenti in testa, la Gorgone è ora coronata da fili di grano, che rappresentano l’abbondanza di grano sull’isola durante l’Impero Romano. Per alcune persone, il trinacria rappresenta il male, ma per molti altri rappresenta la felicità, quindi è spesso usato come talismano che dovrebbe portare fortuna. Oggi il trinacria è il simbolo della Sicilia; combina perfettamente il rosso e il giallo della bandiera.

Il simbolo della Trinacria oggi

Il simbolo della Trinacria oggi è ricco di folklore, e i siciliani continuano a conservarne la tradizione. Oltre alla Sicilia è utilizzato anche sulla bandiera dell’Isola di Man. Nella storia, possiamo trovare l’uso del Trinacria a Creta, in Macedonia e nella Spagna celtiberica. Il simbolo della Trinacria era presente anche sugli stemmi di diverse dinastie. Tra questi si possono citare gli Stuart di Albany, Rabensteiner, Schanke, Drocomir e Gioacchino Murat, re di Napoli e di Sicilia.

Conclusione

Il nome originario della Sicilia è Trinacria per la sua forma triangolare. L’origine del nome “Trinacria” è greca, ma l’origine del simbolo Trinacria è molto più antica. Le monete del VI e IV secolo con la Trinacria provengono dall’Asia Minore (attorno a quella che oggi è la Turchia). Su alcune monete, la donna ha serpenti al posto dei capelli e senza grano. Tuttavia, furono gli antichi greci a decidere di utilizzare il simbolo della Trinacria, che trovarono su monete antiche, per rappresentare la Sicilia. Il trinacria non è stato inventato per rappresentare la Sicilia! Venne a rappresentare la Sicilia solo in seguito, al tempo dell’antica cultura greca. I romani trasformarono i serpenti di Trinacria in spighe di grano perché, a quel tempo, la Sicilia era nota per la produzione del grano; era il granaio di Roma. In epoca romana, il simbolo veniva stampato sulle monete e divenne popolare in tutto il mondo. Infatti, oggi, il simbolo dell’Isola di Man, che giace nel Mare d’Irlanda tra Irlanda e Gran Bretagna, è il trinacria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.