Ecco quali sono i sintomi del coronavirus

Ecco quali sono i sintomi del coronavirus

Il coronavirus è un virus che causa sintomi molto simili a quelli dell’influenza comune.

Quindi i sintomi sono:

  • raffreddore;
  • mal di gola;
  • tosse;
  • febbre;
  • problemi gastro-intestinali;
  • fiato corto;
  • dissenteria/diarrea.

Solo in alcuni casi si possono avere sintomi più gravi quali polmonite e difficoltà respiratorie.

Raramente il coronavirus è fatale si parla circa del 2,5% dei casi.

Essendo i sintomi molto simili a quelli dell’influenza l’unico modo per assicurarsi di non essere infetti è quello di sottoporsi a specifici esami.

Solo con esami mirati si può capire qual è il virus che causa i sintomi.

Chi sono e persone più a rischio?

Nella maggior parte dei casi i sintomi causati dal coronavirus sono lievi. Esistono però delle categorie che rischiano di avere ripercussioni più gravi.

Queste persone sono gli anziani, i bambini, le persone già affette da altre malattie respiratorie e persone con un sistema immunitario indebolito.

Chi è appena uscito da una malattia avrà il sistema immunitario depresso e perciò sarà più a rischio.

Anche le persone che bevono molto o fumano hanno un rischio maggiore di avere sintomi gravi.

Come si trasmette il coronavirus?

Il virus si trasmette principalmente da persona a persona. Le modalità di trasmissione sono simili a quelli dell’influenza e del raffreddore.

Entrare in contatto con una persona già affetta dal coronavirus (anche se non ne presenta i sintomi) o stargli semplicemente vicino.

Il mezzo principale tramite il quale si trasmette il coronavirus sono le goccioline di saliva che vengono immesse nell’aria dopo un colpo di tosse o anche solo parlando.

Usare le mascherine

Le mascherine chirurgiche servono a contenere il contagio ma non servono per prevenire di essere infettati.

Le mascherine infatti servono a proteggere gli altri dalla possibilità di entrare a contatto con la saliva degli infetti.

Quindi chi deve indossare le mascherine?

Sono le persone già infette a dover indossare le mascherine, per ridurre la possibilità di infettare altre persone. Se sei sano non serve a nulla indossare la mascherina a meno che tu non sia assistendo un malato affetto da coronavirus.

Cose utili da tenere a mente

Ecco qualche consigli igienico per ridurre al minimo la possibilità di venire infettati dal coronavirus.

Non tossire nelle mani o nei pugni

Il virus infetta una persona quando entra in contatto con il suo sistema respiratorio.

Se quando tossisci ti porti il pugno alla bocca e poi tocchi altre superfici o la tua bocca o il tuo viso allora in quel caso, se sei infetto, stai spalmando il virus su quelle superfici.

Quando tossisci o starnutisci fallo portando il gomito vicino alla bocca o fallo in un fazzoletto. In questo modo eviterai di diffondere il virus.

Lavarsi le mani spesso

Proprio per lo stesso motivo descritto qui sopra è bene lavarsi spesso le mani. Se tocchi superfici sulle quali si è depositato il virus e poi ti tocchi il viso correrai il rischio di essere infettato.

Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol

Il cloro e l’alcol sono molto utili a eliminare il virus dalle superfici.

Fonti: salute.gov.it; ansa.it.