Le profezie di Nostradamus

Le profezie di Nostradamus

Nostradamus, al secolo Michel de Notre Dame, era un astrologo, scrittore, farmacista e anche speziale francese del sedicesimo secolo. Nacque a dicembre del 1503 e morì il 2 luglio 1566. La sua fama è dovuta in particolar modo a un libro di profezie scritto in quartine: Le Profezie.

In questo libro Nostradamus sembra anticipare numerosi importanti accadimenti che caratterizzeranno i secoli a lui a venire.

Pare abbia previsto la rivoluzione francese, l’ascesa di Adolf Hitler, la bomba atomica e persino gli attentati dell’11 settembre 2001 alle torri gemelle nonché la diffusione del coronavirus.

Molte delle sue profezie, secondo gli studiosi, dovrebbero ancora avverarsi e, stando agli studi fatti, dovrebbero farlo proprio in questi anni.

Nostradamus era un farmacista affascinato dall’occulto. Suo padre era un commerciante e anche un notaio.

Michel de Notre Dame cominciò a scrivere le sue opere in francese, ma poi per paura di ripercussioni religiose le camuffò utilizzando un linguaggio particolare. Mescolò diverse lingue e dialetti tra loro in maniera tale che quello che scriveva fosse difficilmente interpretabile. Utilizzò per le sue rime il provenzale, il greco, l’italiano, l’ebraico e il latino mischiati per ottenere l’effetto voluto.

Nostradamus, Michel de Notre Dame (1503-1566)

Questo sotterfugio permise a Nostradamus di non essere perseguitato dalla Chiesa e di avere buoni rapporti con essa.

Tantissime opere tra cui film e libri hanno trattato l’affascinante figura del poeta francese e le sue centurie hanno affascinato in molti. La figura di questo profeta è entrata ormai nella cultura mondiale.

Secondo i detrattori di Nostradamus le quartine sarebbero scritte in un modo tale che è facile associarle a posteriore ad un qualsiasi evento ma inutili al fine di prevederlo. Questa teoria è avvalorata dal fatto che le profezie di Nostradamus non presentano date precise e quelle poche che le avevano non si sono avverate.

Ciò significa, in altre parole, che nessuno è in grado di ricavare previsioni attendibili dalle profezie di Nostradamus, un po’ come avviene con le profezie dei Simpson.

La profezia di Nostradamus su Hitler

Dalle profondità dell’Europa Occidentale

un bambino piccolo nascerà

dalla povera gente.

Colui che con la sua lingua

sedurrà una grande truppa.

La sua fama aumenterà

verso il regno dell’Est.

La analisi a posteriore della quartina hanno fatto subito pensare a Hitler in quanto proveniva da una famiglia umile. Il dittatore con i suoi discorsi ammaliava un’intera nazione e la sua ascesa avvenne in effetti nel nord-est europeo.

Nostradamus ha previsto l’11 settembre

L’attentato alle Torri Gemelle avvenuto l’11 settembre 2001 ha segnato la storia. La quartina che segue potrebbe essere riferita proprio a tale evento.

Nella città di Dio ci sarà un grande tuono.

Due fratelli verranno fatti a pezzi dal caos e

il grande leader soccomberà.

La terza guerra mondiale inizierà

quando la grande città starà bruciando

I due fratelli sarebbero le due torri e il grande tuono sarebbero le esplosioni degli aerei. Il grande leader potrebbe essere Osama Bin Laden.

La profezia sulla Terza Guerra Mondiale

Secondo gli interpreti delle profezie di Nostradamus nei prossimi anni potrebbe scoppiare la Terza Guerra Mondiale.

La teoria più avvalorata è che la Terza Guerra Mondiale scoppierà dopo l’uccisione di Papa Francesco.

La quartina che tratta di tale profezie è la seguente:

… il monte Aventino brucerà nella notte.

Il cielo si oscurerà nelle Fiandre.

Quando il monarca inseguirà suo nipote,

i membri della Chiesa causeranno scandali…

Il termine Aventino potrebbe essere riferito sia a Sant’Aventino, protettore delle persone con disturbi mentali che al colle Aventino, uno dei sette colli di Roma.

Armi, paghe terminare, morte di sedizioso,

il padre Libero grande non troppo abbonderà,

maligni saranno mandati via dai più maliziosi,

Francia più che mi vittoriosa trionferà.

Tempi difficili, ci attendono guerre, disoccupazione e morte. Anche il vino scarseggerà. La guerra sarà vinta da persone malvagie. La Francia uscirà vincitrice dal conflitto.

Le profezie sui grandi cambiamenti climatici

Secondo Nostradamus grandi cambiamenti climatici si abbatteranno sull’umanità.

Il più grande non essere, diluvio al veicolo di cristallo,

Subbuglio palpitato, di tutte le ricchezze gran quantità,

Tagliare i sacri, recenti, gli anziani paurosi,

nominato sgradevole, deceduto, rimpianto allegria unione.

Secondo tale previsione ci sarà quindi una pioggia incessante che causerà un diluvio. In molti perderanno la fede in quanto non avrà più senso.

E ancora si legge:

Vedremo le acque sorgere e

la Terra collasserà sotto di loro

Ancora l’immagine di un diluvio universale.

L’aumento del terrorismo predetto da Nostradamus

Una profezia che riguarda l’aumento del terrorismo sembra trasparire dai seguenti versi:

Da un luogo di carestia

verrà il sollievo.

L’occhio del mare,

come un cane avaro.

A chi darà olio e

l’altro grano.

Si parlerebbe di un paese povero in cui dilagherà il malcontento per le proprie condizioni. Questo malcontento sarebbe la causa di atti terroristici.

Nostradamus ha predetto l’arrivo del coronavirus

In una quartina sembra sia anticipato l’arrivo e la diffusione del coronavirus:

La grande peste nella città marittima

non cesserà prima che morte sarà vendicata

del giusto sangue per preso condannato

innocente, della grande dama per simulato

oltraggio.

Questa quartina parla però di una città marittima da cui partirà il contagio. Ma Wuhan, luogo da cui è partito il coronavirus, non è una città marittima. Alcuni hanno però interpretato in un altro modo le parole del profeta. Nostradamus infatti non si riferirebbe a una città sul mare ma forse al mercato del pesce, luogo da cui in effetti è partito il virus.

In quest’altra quartina si parla di un’epidemia:

Colui che peste espande non ha saputo

individuare, morto nel pozzo colpita la

volta del cielo: l’abate morirà quando

vedrà cadere in rovina i naufragati

desiderosi di aggrapparsi allo scoglio.

Qualcuno ha visto in queste parole la descrizione dalla diffusione di una malattia mortale inizialmente sottovalutata. Questa malattia ucciderà molte persone in tutto il mondo.

L’eruzione del Vesuvio e dell’Etna

Nella quartina 87 della prima centuria delle Profezie si parla dell’eruzione del Vesuvio e dell’Etna.

L’enosigeo fuoco del centro della terra,

farà tremare i dintorni della città nuova.

Due grandi rocce faranno la guerra per lungo tempo

quindi Aretusa renderà rosso nuovo fiume.

Secondo questa quartina il fuoco al centro della Terra farà tremare Napoli (città nuova secondo l’etimologia greca) e i suoi dintorni. Questo evento, dovuto all’attrito tra due rocce, forse un terremoto, sarà seguito dall’eruzione dell’Etna.

Questo però non implica il fatto che Vesuvio ed Etna siano collegati ma soltanto che molto probabilmente un terremoto molto potente scuoterà la crosta terrestre in maniera talmente potente da scatenare entrambe le eruzioni.

La caduta del fascismo e morte di Benito Mussolini

Un passo molto controverso è quello della terza quartina della prima centuria.

Quando il littorio fatto cadere dal turbine

ed i volti saranno coperti dai loro mantelli,

la Repubblica vessata da popolazioni nuove

allora bianchi e rossi giudicheranno al contrario.

Qui si nomina il littorio, noto simbolo legato al fascismo. Il littorio fatto cadere sembrerebbe proprio riferito alla caduta del fascismo.

In quanto ai volti coperti dai mantelli questa sembrerebbe indicare che alcuni dei fascisti più noti, compreso Benito Mussolini, saranno esposti a testa in giù in piazzale Loreto in seguito a una rivolta popolare (il turbine).

La repubblica vessata da genti nuove si riferisce all’Italia dominata dagli stranieri, tedeschi prima e americani poi. I colori bianco e rosso potrebbero essere riferiti proprio ai colori americani, ovvero le strisce bianche e rosse della bandiera americana.

Nostradamus ha previsto la rivoluzione industriale

Molto interessante la quartina che descrive l’avvento delle macchine e la rivoluzione industriale:

Dopo le lime bruciate gli asinari,

saranno obbligati a cambiare abitudini diverse

i Saturniani bruciati dai molitori,

fuori la maggior parte non sarà coperta.

Molte cose cambieranno con l’invenzione delle macchine (lime bruciate). Chi utilizzava bestie da soma e i contadini saranno costretti a cambiare mestiere. Molti finiranno in povertà (non saranno coperti).

Questo sembrerebbe un ritratto abbastanza preciso di cosa rappresentò la rivoluzione industriale e l’utilizzo dei macchinari industriali. Molto particolare che tale profezia sia stata effettuata nel 16° secolo, molto prima dell’effettivo utilizzo delle macchine nelle industrie e nei processi produttivi.

La profezia sull’Unione Europea guidata dalla Germania, i no-vax e i terrapiattisti

Leggiamo questa quartina:

Il Santo Impero giungerà in Germania,

Ismaeliti scopriranno luoghi accessibili,

Asini desidereranno anche la Carmania,

i laureandi di terra tutti protetti.

Si parla si un Santo Impero che giungerà in Germania, ciò sembrerebbe essere compatibile con un nuovo Impero Romano comprensivo delle nazioni europee guidato dalla Germania. La Germania in effetti è uno degli stati più influenti dell’Unione Europea.

Gli asini della Carmania erano gli asini che venivano usati in battaglia dagli antichi eserciti persiani. Qui Nostradamus si riferisce a persone stupide che non sanno e non si rendono conto di quello che gli succede intorno. Queste persone derideranno e getterebbero disonore sugli studiosi.

Questa parte del testo potrebbe riferirsi al dilagarsi di correnti complottiste come i no-vax o i terrapiattisti. Secondo questa interpretazione Nostradamus ha previsto la diffusione dell’anti-vaccinismo, del terrapiattismo e di tutte quelle correnti di pensiero che non credono alla scienza e la additano come parte di un complotto mondiale.